Cosa vedere a Militello in Val di Catania

Cosa vedere a Militello in Val di Catania

8 Novembre 2021 Off Di Redazione

Nel corso degli anni sono state avanzate diverse ipotesi sulle effettive origini della città di Militello in Val di Catania. Secondo lo storico Pietro Carrera, la città nacque per mano dei Romani quando l’esercito di Marco Claudio Marcello, una volta assediata Siracusa, si spostò verso questo territorio per scappare da una terribile epidemia di peste. Nell’anno 1000 arrivarono i Cammarana, che decisero di trasformare il piccolo paese in un marchesato.

In seguito, la città diventò un possedimento dei Barresi, che la inglobarono all’interno del loro feudo. Tra il XVI ed il XVII secolo, periodo in cui era al potere il Principe Don Francesco BranciforteMilitello acquisì una notevole importanza grazie alla costruzione di diverse chiese e palazzi particolarmente pregiati. Durante il terremoto del 1693 la città subì dei gravissimi danni anche se, in seguito alla ricostruzione, furono eretti numerosi edifici ancor più belli rispetto al passato. Nel 2002, la città di Militello in Val di Catania ottenne l’importante riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Militello in Val di Catania è composta da quasi 8000 abitanti e fa parte della provincia di Catania in Sicilia. Quest’area si trova nella parte settentrionale dei Monti Iblei, a circa 415 metri sopra il livello del mare, e dista circa 55 Km dal capoluogo di provincia.

Famosa soprattutto per la presenza di numerosi edifici e chiese di origine settecentesca, questa città è apprezzata in tutto il mondo tanto da aver ottenuto nel 2002 il riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell’Umanità. 

Molto importante è il famoso Mercato di Militello in Val di Catania, nato nel dopoguerra e simbolo caratteristico della città ancora al giorno d’oggi. Sono presenti anche numerose manifestazioni che ogni anno attirano a sé molti turisti ed abitanti del posto, come ad esempio la Sagra della mostarda e del fico d’India e la Festa di San Benedetto Abate santo patrono d’Europa. Tra le personalità note nel mondo dello spettacolo che sono nate nella città di Militello in Val di Catania è doveroso menzionare Giuseppe Raimondo Vittorio Baudo, più comunemente conosciuto come Pippo Baudo.

COSA VEDERE

  • Santuario di Maria SS. Della Stella: Costruito durante il XVIII secolo, questo importante edificio sacro è stato dedicato alla santa Patrona della città. Al suo interno sono contenute delle opere di indubbio valore artistico come ad esempio il dipinto “Viso di Maria” attribuito a Vito d’Anna.
  • Chiesa Madre: Dedicata a San Nicolò ed al Santissimo Salvatore, questa chiesa è stata costruita durante il XVIII secolo ed al suo interno presenta numerosi stucchi di origine settecentesca. Inoltre, è presente una stupenda cupola che risale al XX secolo.
  • Chiesa di San Benedetto: Questa chiesa è stata costruita durante il XVII secolo ed è particolarmente apprezzata perché al suo interno è presente un fantastico coro ligneo interamente intagliato a mano.
  • Monastero di San Benedetto: Risalente al 1614, questo monastero rappresenta il terzo più grande di tutta la regione Sicilia ed ad oggi viene utilizzato come sede del Comune.
  • Palazzi Barocchi: La città di Militello in Val di Catania è famosa per la presenza di numerose costruzioni risalenti al periodo barocco, tra cui vale la pena di ricordare Palazzo Baldanza, Palazzo Maiorana e Palazzo Reforgiato.
  • Museo di San Nicolò: Al suo interno sono presenti numerosi reperti storici risalenti al periodo che va dal XVII al XVIII secolo che spiegano al meglio la storia della città.

COME ARRIVARE A MILITELLO IN VAL DI CATANIA

  • In Auto: Da Catania, immettersi sulla Strada Statale 194 in direzione Ragusa ed in seguito proseguire sulla SS. 385 per Caltagirone. In alternativa, prendere l’autostrada A19 Catania-Palermo ed uscire allo svincolo “Jannarello”. A questo punto continuare sulla Superstrada Catania-Gela per poi raggiungere la città di Militello.
  • In Bus: Da Catania è possibile usufruire degli autobus messi a disposizione dalle compagnie SAIS Autotrasporti ed Interbus, che ogni giorno partono dalla stazione centrale di piazza Giovanni XXIII. Altrimenti, partendo da Castel di Judica, sono disponibili i mezzi della società Autolinee Molinaro.
  • In Treno: E’ possibile raggiungere la stazione ferroviaria di Militello in Val di Catania prendendo uno dei treni che seguono la tratta Catania-Caltagirone-Gela.
  • In Aereo: E’ consigliato atterrare all’aeroporto Fontanarossa di Catania, che dista circa 54 Km dalla città di Militello. In alternativa potrete atterrare all’aeroporto Punta Raisi – Falcone Borsellino di Palermo. Servirsi dei mezzi pubblici o di un auto a noleggio per arrivare a destinazione.

Fonte