Il sentiero del Ponale a Riva del Garda

Il sentiero del Ponale a Riva del Garda

18 Novembre 2021 Off Di Redazione

I grandi laghi del nord Italia sono note mete turistiche, sia per i connazionali che per i numerosi visitatori in arrivo dal nord Europa. Il lago di Garda è sicuramente uno dei più famosi e le due mete più gettonate sono Riva del Garda a nord e Sirmione a sud dello specchio d’acqua.

Ti consiglio di visitare Riva del Garda se sei un amante degli sport acquatici e, soprattutto, delle camminate in montagna, dal momento che la parte nord del lago è circondata dalle Alpi più meridionali che offrono escursioni incredibili.

Il sentiero del Ponale

A Riva del Garda trovi escursioni di tutte le difficoltà. Il più famoso è il sentiero del Ponale, che costeggia la costa occidentale del lago. Il fatto che sia anche il più semplice e il più accessibile, lo rende molto trafficato durante i periodi di alta stagione. Ti consiglio quindi di evitare i weekend estivi, quando troverai centinaia di persone sul percorso.

Il sentiero del Ponale parte da Riva del Garda e subito dopo la centrale idroelettrica si inerpica sulla scogliera, offrendo fin da subito scenari mozzafiato a strapiombo sul lago. Sfondo costante del panorama saranno le montagne che sovrastano la costa orientale.

La strada del Ponale era fino al 1992 la via che collegava Riva del Garda a Ledro. Durante tutto il tragitto ti chiederai come facessero automobili e altri mezzi di trasporto a passare su questa stretta via tagliata tra le montagne. Oggigiorno le due località sono invece collegate da una più comoda galleria che ha permesso di sfruttare l’antica strada come un’attrazione turistica.

Il sentiero del Ponale è adatto a escursionisti a piedi, ma anche a ciclisti. La strada è infatti separata per evitare incidenti, soprattutto dovuti all’alta velocità delle biciclette che tornano in discesa verso Riva del Garda. Anche questo è un ottimo motivo per cercare di evitare il più possibile i periodi di alta stagione.

Durante il percorso troverai fortificazioni risalenti alla Prima Guerra Mondiale, la maggior parte delle quali saranno visitabili liberamente. Seguendo scalini e sentieri che partono dalla via principale scoprirai bunker e feritoie con improvvise aperture su panorami da cartolina. Ti consiglio di non perdertene nessuno.

Cascata del Ponale

Dopo un paio d’ore raggiungerai la cascata del Ponale che scende attraverso una stretta gola. Un ristorante sulla scarpata è il posto perfetto per una pausa con vista panoramica. 

Dalla cascata puoi continuare sulla costa del lago fino al paese di Pergasina oppure avventurarti all’interno fino a Ledro e al suo omonimo lago, una vera gemma incastonata tra le montagne.

In entrambi i casi potrai trovare facilmente un autobus che ti riporterà fino a Riva del Garda.

Lago di Ledro

Se sei un amante del trekking ti consiglio vivamente di proseguire fino al lago di Ledro. Si tratta di un altro paio d’ore di camminata, ma ne vale la pena. Puoi anche decidere di ritornare a piedi, essendo in discesa non ci metterai più di tre ore fino a Riva del Garda.

Consigli

Il sentiero del Ponale è assolato tutta la mattina, quindi se fa molto caldo ti consiglio di affrontarlo nel pomeriggio.

Come già detto, meglio evitare i giorni di punta.

Il sentiero è facile e non avrai bisogno di attrezzatura particolare. Al contrario, se decidi di continuare fino al lago di Ledro dovresti avere delle scarpe adatte alla camminata in montagna. Puoi trovare dei consigli su quali acquistare cliccando qui.

Se non sei un ciclista esperto, potrai noleggiare una e-bike da una delle molte agenzie di Riva del Garda.

Questo articolo contiene una collaborazione con rest and recuperation [punto] it